Mare di Policoro

Policoro: mare ionico e storia lucana insieme

Policoro è sempre in cima alle località balneari più ambite della Basilicata. Lo sviluppo turistico degli ultimi anni e la posizione a ridosso del Mar Ionio fanno di questa città un riferimento estivo di primo livello. Oltre al mare, Policoro offre tanta tranquillità e spaccati di vita “passata” da cogliere nelle località circostanti. La storia di Policoro è quella di una città da secoli crocevia di differenti culture. Nel periodo della Magna Grecia sorgeva vicino ad Heraclea, mentre nel 280 a.C. fu teatro dello scontro tra i Romani e Pirro. Dopo uno sviluppo medievale simile a quello di altre località … Continua a leggere →

Il Vulture in autunno

Il Vulture e la magia dell’autunno

Il Vulture è una regione storica della Basilicata settentrionale, a confine con la Campania e la Puglia: terra antica, legata alle tradizioni contadine e dal fascino irresistibile. Il foliage autunnale conquista anche i meno sensibili alla natura, mentre i borghi locali conservano la memoria collettiva nei centri storici fermi nel Medioevo. La storia del Vulture è stata segnata da momenti difficili, culminati nell’immigrazione di massa dello scorso secolo. Ma da qualche anno il Vulture ha saputo riscattarsi con il turismo ambientale. Oggi molti turisti scelgono queste terre per ritrovare un contatto autentico con la natura. I tratti naturali e culturali … Continua a leggere →

Il borgo di Latronico.

Latronico, tra il mare e la natura lucana

Latronico fa parte del patrimonio turistico della Basilicata, regione che sta conquistando sempre più visitatori nel Sud Italia. Sorge a quasi 900 metri d’altitudine, ai piedi del Monte Alpi e a poche decine di chilometri dalla costa. Posizione perfetta per alternare il piacere della montagna ai divertimenti in spiaggia. Località come Latronico hanno anche un lungo trascorso da raccontare: il borgo è costellato di monumenti e chiese. La storia di Latronico è per molti secoli oscura. In mancanza di documenti attendibili, si suppone che sia sorta nell’Alto Medioevo. Fino al XVIII secolo la città fu governata dai Gesuiti, per poi … Continua a leggere →

Scorcio dei Sassi di Matera

I Sassi di Matera: un presepe nella Murgia lucana

I Sassi di Matera al calar del sole somigliano a un presepe dalle mille lucine: le illuminazioni soffuse esaltano, ma non troppo, le bianche case e gli irti vicoli. E proprio come un presepe datato e più volte ampliato, il centro antico di Matera è un mix di costruzioni e chiese sovrapposte nel tempo. Nel 1993 sono diventati Patrimonio dell’Umanità Unesco. I Sassi di Matera hanno vissuto diverse fasi e conosciuto varie forme di antropizzazione. I primi umani che vi trovarono rifugio risalgono al Paleolitico, e lasciarono il posto a nuove genti nel corso dei secoli. Soltanto lo sfollamento forzato negli … Continua a leggere →

Castelmezzano al calar del sole

Castelmezzano, sospesa tra le Dolomiti Lucane

Il Belpaese ha luoghi turistici da visitare in ogni periodo dell’anno: lontani dagli itinerari di “serie A” e spesso poco valorizzati. Anni fa fu la rivista americana Budget Travel a inserire Castelmezzano tra le località più belle quanto sconosciute del mondo. Il paese, nel cuore della Basilicata e delle Dolomiti Lucane, vanta bei monumenti e fa parte dei Borghi più Belli d’Italia. Come spesso capita nei luoghi più angusti, fu proprio un castello difensivo a dare il nome e un’identità culturale a Castelmezzano. I resti della fortificazione, ancora visibili, sono ciò che resta della costruzione militare eretta dai Normanni nel … Continua a leggere →

Monte Santa Maria in Basilicata

Basilicata coast to coast, percorso avvincente per scoprire la Lucania

Rocco Papaleo ebbe una grande intuizione quando nel 2010 ambientò un film sulla sua Basilicata, terra del sud bellissima quanto poco conosciuta. Con il film Basilicata coast to coast il comico lucano ha creato una pellicola che immortala i luoghi più reconditi della regione, lontani dai clamori delle blasonate località marittime. Il film ha ottenuto un buon successo, e ottimi giudizi da parte dei critici. Per ripercorrere lo stesso itinerario, questa volta in prima persona e da protagonisti, non bisogna per forza scegliere un somarello ma si può andare comodamente in auto: da ovest verso est, dal Tirreno allo Ionio, … Continua a leggere →